Diego Spitaleri

5 marzo
Blue Brass Jazz Club

Via dello Spasimo, 15 - Palermo
posto unico 8 €
ridotto 5 € (Senior Card e Allievi Scuola Popolare di Musica).

Diego Spitaleri - piano
DJ Giovanni Verga - live electronics

Il nuovo progetto è incentrato sulle composizioni originali del pianista palermitano Diego Spitaleri che si arricchiscono delle atmosfere elettroniche create da Giovanni Verga uno dei Dj più “creativi” della scena siciliana.

 
Gli interventi “live electronics” di Verga non snaturano il suono del piano solo, ma forniscono il substrato sonoro che crea l’atmosfera, l’ambiente all’interno del quale si evolvono le incursioni pianistiche.
 
La realizzazione di questo nuovo progetto si inquadra nel percorso musicale del pianista che pur passando attraverso le molteplici esperienze degli ultimi anni, maturate nei più svariati contesti musicali, è da sempre indirizzato verso la ricerca di un “suono”, di un “linguaggio” personale.
 
Diego Spitaleri
Nato a Palermo nel 1959, ha iniziato l'attività concertistica nel 1979 ed ha all'attivo numerosi concerti nell'ambito italiano ed internazionale, nonché partecipazioni a trasmissioni radiofoniche e televisive 
Nel febbraio 1992 è uscito il suo primo CD "Mediterranea Suite" in trio con Paolino Dalla Porta al contrabbasso e Paolo Mappa alla batteria e pubblicato dalla Splasch Records. Nell'ambito del "TOP JAZZ 1992", indetto dalla rivista specializzata Musica Jazz, si è classificato al 4° posto nella categoria "Miglior nuovo talento".
Negli ultimi anni ha allargato i propri orizzonti musicali contribuendo alla nascita di svariati progetti nel campo della musica gospel (Palermo Spiritual Ensemble), etnica (Sun e Folkage) e si è dedicato alla composizione di musiche per teatro, danza e audiovisivi.
Vanta svariate collaborazioni sia in ambito jazz (Paolo Fresu, Flavio Boltro, Franco Cerri, Enrico Rava, Ray Mantilla, Irio de Paula, Tiziana Ghiglioni, Cinzia Spata, Bill Moring, Elliot Zigmund) pop (Artie Traum, Nick the Nightflight, Sara Jane Morris, Roy Paci, Mario Venuti, Mauro Pagani) e world music (Glen Velez, Rim Banna).
Numerose le collaborazioni anche in ambito teatrale: Alessandro Haber, Massimo Wertmuller, Pino Caruso, Claudio Gioè, Paolo Briguglia, Tony Sperandeo).
 
 
Giovanni Verga
Nato nel 1976, ha iniziato a suonare il pianoforte in giovane età studiando musica classica. Nei primi anni '90 ha iniziato l’attività di DJ suonando in Sicilia nei principali club, in svariati contesti musicali che vanno, in genere, dalla musica chill out alla techno, passando per Detroit-house con influenze jazz, funk, dub, trip hop e d'avanguardia.
Ha in corso alcuni progetti come produttore e performer con altri dj, e musicisti tra i quali alcune produzioni  per etichette come la berlinese Trenton Records, la  veneta Kina music e la messicana Blaq Records,
Un altro progetto è "CUPIS", un duo con il sassofonista Gianni Gebbia, che vede anche la collaborazione di video-makers, artisti visivi e danzatori contemporanei; ed infine "FOLKALAB", un collettivo di musicisti della scena Siciliana che costituisce un punto di incontro per diverse generazioni di artisti e un vero e proprio scambio fra diverse culture musicali, attraverso l’utilizzo di vecchie e nuove tecnologie.
Tra le ultime produzioni si segnala “Chamber Machine” progetto noise/sperimentale con Camillo Amalfi per l’etichetta palermitana Brusio.
Attualmente sta lavorando al nuovo progetto “Rotare disco 76” sulla ricerca e rivisitazione di materiali funk, italo disco e dub.